venerdì 4 dicembre 2009

Horror Frames: Sheitan


Nuovo appuntamento, il terzo, con la rubrica Horror Frames che scrivo per il sito MYmovies. Questa volta, nell'ambito di un breve excursus sul nuovo horror francese, si parla di Sheitan, interessante esordio nel lungometraggio per Kim Chapiron, interpretato da uno straripante Vincent Cassel. Se volete leggere la rubrica, andate qui. E buona lettura.
La foto qui sopra appartiene alla fase bucolica del film. Che dura molto, ma molto poco.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi piacciono gli horror francesi e seguirò il consiglio.
Mi piacerebbe sapere se nell'aggiornamento del dizionario inserirai antichrist che mi è sembrato molto interessante contrariamente alle critiche negative che avevo letto.
Secondo me le atmosfere e tematiche lo rendono sufficientemente agghiacciante da essere annoverato fra gli horror.

Rudy Salvagnini ha detto...

Ancora non l'ho visto, ma penso di sì, per quanto mi è sembrato di capire. E chissà se - restando in ambito von Trier - non cambi idea anche su Kingdom (sull'inserimento, non sul film, che ho molto apprezzato).

Anonimo ha detto...

In effetti se usiamo come comune denominatore il terrore suscitato, anche the kingdom potrebbe essere inserito,intendendo sempre nel dizionario.

Anonimo ha detto...

Non male sheitan, con un Cassel notevole.
Molto ben descritta la "ruralità" dell'ambientazione. Quello che mi è successo è stato quello di parteggiare per Cassel, visto quanto stronzi erano i giovanotti

Samuele ha detto...

Ho visto il film spinto dal trailer, che aveva un qualcosa da horror dolls movie.
Però il film mi ha lasciato un senso di "mancanza", cioè come se mancasse un qualcosa a livello di trama, non so.
Probabilmente è una scelta voluto, però mi ha dato l'idea quasi di un compromesso tra un film "con trama lineare" ed uno con "trama metafisica". Forse è proprio questa "terra di mezzo" che bisogna saperla creare per bene. Boh.